L’otturazione del dente

Prima di cominciare vediamo alcuni dati relativi all’anatomia del dente per poi passare all’otturazione del dente .
Il dente è importante per la masticazione e la digestione però gioca anche un ruolo rilevante nell’estetica.
E’ ricoperto da uno strato esterno denominato smalto, di colore bianco, duro e resistente e che ci consente di mordere, lacerare e tritare alimenti. Sotto lo smalto troviamo la dentina, di colore giallo, meno dura e che costituisce la maggior parte del dente. Infine, al centro del dente sotto la dentina c’è la polpa o nervo contenente anche i vasi sanguigni.

La carie è una malattia di origine batterica che attacca i tessuti del dente e li demineralizza, è stata classificata come la quarta piaga mondiale dalla Organizzazione Mondiale della Sanità e consiste in un processo lento che compromette le dinamiche del cavo orale e influisce sullo stato generale della persona.

Come possiamo evitare ciò?
Le carie si originano attraverso un semplice processo, quando mangiamo, gli zuccheri degli alimenti vengono trasformati in acidi sotto l’azione dei batteri presenti nella nostra bocca, questi acidi erodono lo smalto dei denti favorendo la proliferazione delle carie.

La carie dentale attacca soltanto lo smalto dei denti è praticamente invisibile e soltanto il dentista è in grado di poterla individuare. La carie diventa sempre più profonda e attacca infine la dentina. E’ in questo momento che diventa visibile e alcune volte è persino dolorosa, bisogna a questo punto rivolgersi immediatamente al dentista per interrompere l’evoluzione della malattia perchè senza trattamento la carie si evolverà verso il centro del dente producendo il tristemente conosciuto e acuto mal di denti.
Il dentista in tal caso dovrà procedere alla devitalizzazione del dente.


L’otturazione del dente consiste nell’asportare la totalità della polpa e rimpiazzarla con una pasta per otturazione canalare. Dopo questo trattamento potrà comparire un dolore all’atto di stringere i denti questo fenomeno piuttosto normale si presenta come una conseguenza di un infiammazione del legamento che unisce il dente all’osso.

Il dentista potrà prescrivere, se necessario, un medicamento o limare leggermente il dente per evitare il contatto stretto con il dente opposto.
A ogni modo sarà imperativo categorico applicare una corona a questo dente indebolito, in effetti l’ottanta per cento dei denti devitalizzati senza corona soffrono fratture nell’arco di 5 anni.
L’estrazione si presenta a questo punto l’unica alternativa possibile e senza dubbio è preferibile visitare regolarmente il tuo dentista poichè la diagnosi e il trattamento tempestivi permettono di evitare tutte queste complicanze.

Commenta